Festa Patroni, consegnate le Benemerenze Civiche

Premiati Benito Zilioli, Angelo Marconi e la Croce Bianca
Ritratto di roberto parolari

Sabato 15 febbraio nella sala Repossi del Comune, in occasione dei festeggiamenti per la festività dei Santissimi Faustino e Giovita, sono stati consegnati i riconoscimenti civici ai cittadini clarensi meritevoli. Quest’anno sono tre i premiati, scelti dalla Commissione aggiudicatrice dei riconoscimenti composta dai consiglieri comunali Cristian Vezzoli, Ermanno Pederzoli e Giuseppe Gozzini. Si tratta di Benito Zilioli, Angelo Marconi e la sezione clarense dell’associazione Croce Bianca. La cerimonia si è svolta alla presenza del sindaco Massimo Vizzardi e del presidente del Consiglio comunale Laura Capitanio e, rispetto al passato, ha visto la novità della presentazione dei premiati da parte di esponenti della società civile clarense.


Benito Zizioli, primo premiato, è “protagonista generoso dell’associazionismo clarense che ha fatto dell’impegno nel campo della prevenzione alle malattie cardiovascolari una missione trentennale”. Zilioli ha ricevuto il riconoscimento come “esempio concreto di quanto il contributo appassionato di ciascuno sia significativo per promuovere il benessere della comunità”. A presentare il suo riconoscimento è stato Claudio Gentilini, primario cardiologo all’ospedale di Chiari.
Riconoscimento Civico anche per l’associazione Croce Bianca, che oggi conta su un’ottantina di volontari, che sono stati introdotti da Pietro Capitanio, tra i primi volontari del Gruppo 12 anni fa, nonché ex consigliere comunale ed ex dirigente scolastico. I volontari dell’associazione sono stati premiati perché con “costanza e dedizione proseguono nell’impegno di prendersi cura del prossimo, un impegno che, accompagnato da un forte spirito di squadra, si concretizza quotidianamente sul territorio in preziose azioni di prevenzione e assistenza sanitaria”.
Il terzo Riconoscimento Civico è stato assegnato al poeta Angelo Marconi: insignito portavoce della cultura bresciana sul territorio nazionale, per il suo impegno con la lingua dialettale e identitaria della comunità. A introdurre il poeta è stato Sergio Faustini, presidente della Pro Loco di Chiari, il cui Consiglio Direttivo nel 2019 ha nominato proprio Marconi come Socio Onorario dell’associazione. A testimonianza dell’alto valore e dello stretto legame tra il poeta e la città, al termine della cerimonia Marconi ha omaggiato i presenti leggendo la poesia «San Faüstì» tratta dalla sua raccolta «Ombrìe d’amur», dedicata proprio alla festa patronale.
 

Vota l'articolo: 
Average: 4 (1 vote)