Scomparsa da sei giorni. Ritrovata morta

Il fiume Oglio ha riconsegnato il suo corpo
Ritratto di Massimiliano Magli

AGGIORNAMENTO

La donna è stata trovata morta lungo il fiume. Forse un gesto estremo. 
 

ARTICOLO SULLE RICERCHE DEL MATTINO

Si chiama Tatiana Neefe, ha 37 anni, da lunedì è scomparsa. La donna, residente con la madre a Roccafranca, in via fiume Oglio, si era allontanata volontariamente facendo perdere le proprie tracce. E' di origine russa. Si pensava a un rientro in alcune ore, ma i familiari ora sono disperati. A Roccafranca questa mattina sono partite le ricerche della donna, con l'intervento di nuclei speciali dei vigili del fuoco (elicotteri di ricerca, squadra cinofila, barche di ricerca), una squadra di ricerca del Parco dell'Oglio, i carabinieri e la Polizia Locale. Il Comune collabora inoltre con l'ufficio tecnico.


Sul posto dal primo mattino il sindaco Emiliano Valtulini con la sua Giunta per contribuire nelle ricerche.
La Prefettura ha disposto il dispiegamento di forze anche a fronte del tempo trascorso.
Tatiana viveva da due anni a Roccafranca. Venerdì, disperato, è arrivato il marito, Michael Neefe, che viveva da solo in Svizzera. L'uomo era visibilmente provato questa mattina, all'avvio delle ricerche. Dalle prime testimonianze sembrerebbe che gli ultimi messaggi siano stati tenuti dalla donna proprio con lui. Altri dettagli: la donna indossava un parka, una giubba verde-grigio, e si sarebbe allontanata con 500 euro in contanti e con la carta di credito.

Non si esclude nessuna ipotesi. Il marito Michael esclude invece categoricamente l'ipotesi del suicidio.
Il telefono della donna, un I-phone, ha suonato per alcune ore, fino a che presumibilmente non si è scaricata la batteria. La «cella» trasmittente a cui era agganciato fino allo spegnimento è un'antenna in località artigianale a Ludriano. 

Vota l'articolo: 
Non ci sono voti