Il Giornale di Chiari

20
Lug
2018
Ritratto di Massimiliano Magli

Lega in festa con i vip politici

Sei giorni di festa per la Lega Nord di Roccafranca. Il 20, 21 e 22 luglio appuntamento nel piazzale del Bar Viavai a partire dalle 20. Si replica il 27, 28 e 29 luglio. In tutte le serate musica dal vivo con orchestra, tombolate e gastronomia locale. Veniamo agli ospiti: il 20 luglio è atteso l'onorevole Paolo Formentini e l'onorevole Giuseppe Donina, il 21 l'eurodeputato Oscar Lancini e l'onorevole Eva Lorenzoni, il 22 l'onorevole Andrea Dara e la consigliere regionale Federica Epis, il 27 Fabio Rolfi, assessore regionale, e l'onorevole Silvana Comaroli, il 28 l'europarlamentare Angelo Ciocca e l'onorevole Simona Bordonali, il 29 l'onorevole Paolo Grimoldi.

Leggi tutto
20
Lug
2018
Ritratto di Massimiliano Magli

Un altro lampione rischia di cadere

E' la seconda volta nello stesso punto: la Provincia assente

Non c'è pace per le rotonde di Chiari, competenza della provincia ma da tempo abbandonate a se stesse. Ora dopo la beffa di due anni fa per un lampione che rischiava di cadere sulla testa di diclisti e pedoni, la maxi rotonda del polo logistico, all'incrocio tra sp 18 e sp 72, vede riproporsi lo stesso problema. E da due mesi un lampione rischia di cadere da un momento all'altro. Il tutto con seri rischi per l'incolumità dei passanti, visto che un altro lampione, particolarmente alto e pesante, rischia di cadere. A quanto pare il punto luce non sarebbe nemmeno stato colpito, ma sarebbe collassato da solo, piegandosi pericolosamente.
Ma la beffa è che per rimuovere il precedente punto luce, in altra posizione della stessa rotonda, ci sono voluti sei mesi, e forse ce ne sarebbero voluti molti di più se non fosse intervenuto il Comune di Chiari a rimuoverlo Infatti la Provincia, nonostante la segnalazione degli uffici tecnici, non è mai intervenuta.

Leggi tutto
19
Lug
2018
Ritratto di Massimiliano Magli

Pompieri, nuova autopompa

Nel 2018 un mezzo da 170 mila euro

I vigili del fuoco di Chiari crescono ancora e lo fanno con un nuovo progetto intercomunale che, per quanto discusso, porterà nel distaccamento di via Campagnola un nuovo gioiellino tecnologico per intervenire in caso di roghi e di incidenti di vario tipo. 
Si tratta di una nuova maxi autopompa Iveco che è stata ordinata proprio nei giorni scorsi, al fine di migliorare la dotazione di mezzi di un distaccamento di riferimento per l'Ovest Bresciano. Si tratta di un'altra prova di grande solidarietà tra i Comuni della zona. Infatti, per consentire l'arrivo di tale mezzo sono stati necessari i via libera delle Amministrazioni locali per un'autotassazione pari a 50 centesimi per cittadino per dieci anni. 

Leggi tutto
12
Lug
2018
Ritratto di mavi

Lezioni sulla A35

La polstrada prepara all’esodo estivo

Si avvicina il periodo dei grandi spostamenti sulle autostrade verso i luoghi di villeggiatura ed essere aggiornati sui comportamenti da tenere al volante risulta fondamentale per la nostra sicurezza e per quella delle persone che viaggiano insieme a noi. In questo ambito A35 Brebemi e Polizia Stradale, la cui proficua collaborazione prevede interventi congiunti in materia anche nelle scuole durante l’anno scolastico, hanno ritenuto di mettere a disposizione il proprio “know how” in materia, per brevi lezioni agli automobilisti e camionisti che transitano sulla direttissima Brescia-Milano nelle giornate pre-esodo, al fine di affrontare al meglio le giornate da “bollino nero”. 

Leggi tutto
11
Lug
2018
Ritratto di mavi

“La Battaglia di Chiari famosa ai francesi”

Questo mese cercherò di descrivere una cartolina ‘Clarense NON Clarense’. 
Immagine  che fa parte di una serie di cartoline francesi dei primi anni Venti, edite dopo il primo conflitto mondiale. 
Interessante sapere che i francesi per citare i loro “Eroi”, richiamino alla memoria la battaglia di Chiari del 1º settembre 1701. 
Ma andiamo con ordine. 
Inizio cercando di tradurre sommariamente le parole citate nella vignetta didascalica: 
’A Chiari nel 1701, Catinat radunò le sue truppe.  
-”Dove vuole che andiamo?”Gli chiese un ufficiale. 
-”La morte è davanti a noi, la vergogna dietro!” disse Catinat. 
Interessante vedere quanto orgoglio patriottico francese sia racchiuso in queste poche parole. 
Cerchiamo di riscoprire insieme qualcosa in più riguardo a questo evento. 
La battaglia di Chiari è stato un episodio importante per l’Europa di quei tempi. 

Leggi tutto
09
Lug
2018
Ritratto di mavi

Lino poeta premiato a Grado

Marconi ha ritirato il «Biagio Marin»

Lino Marconi ha 89 anni. E da quasi altrettanti fa il poeta, come professione di una fede particolare, per lui ateo: crede nella bellezza delle parole vestite in dialetto bresciano. Una passione che gli ha fruttato il premio alla carriera «Biagio Marin», che ha ritirato a Grado il 28 giugno. 
Nei giorni scorsi, in suo onore, la Fondazione Morcelli-Repossi di Chiari ha accolto una serata dedicata alla raccolta vincitrice, «Ombrìe d'amur» (Ed. Compagnia della Stampa). Alla poetica lessicale ricchissima di questa raccolta la giuria, guidata da Edda Serra, ha assegnato il prestigioso riconoscimento. 
Studi classici, professione da medico, «legale – precisa – come a tracciare il solco tra i due campi amati». Da un lato morti da interrogare, dall'altro lo spazio dello svago poetico.  

Leggi tutto
01
Lug
2018
Ritratto di Massimiliano Magli

Mafia, voto unanime in Consiglio per i beni confiscati

Accolta la proposta 5 Stelle

Il regolamento per la gestione dei beni confiscati alla mafia è realtà a Chiari, con i voti di maggioranza e minoranza. Il Consiglio comunale ha infatti approvato la normativa locale per la gestione dei beni confiscati o sequestrati alle mafie. Un piccolo grande traguardo, condiviso anche dalla politica esterna al Consiglio comunale, come i 5 Stelle, che avevano avviato mesi fa una raccolta firme e una petizione per sostenere tale regolamento.
(VIDEO)

Guarda il videoLeggi tutto
27
Giu
2018
Ritratto di mavi

Se l’orto diventa App

Progetto web dell’Einaudi

Ci sono i pomodori, le melanzane, i peperoni, le zucchine e tante altre bontà dei nostri orti, curate come solo un istituto di agraria può fare. Ma a Chiari ogni ortaggio e ogni essenza è ora diventato anche un file elettronico e soprattutto sono conservate e cresciute specie anche arbustive e arboree che rischiano di scomparire e che rappresentano un patrimonio incalcolabile del patrimonio botanico italiano. 
Il progetto nasce all'istituto superiore Einaudi che da circa cinque anni ha sviluppato un indirizzo di agraria e di vitivinicoltura. 
Dopo il debutto in grande del progetto legato alla vite, con collaborazioni con la Franciacorta, dopo la nascita di un progetto per sviluppare l'apicoltura, ora tocca all'orticoltura attirare le attenzioni degli studenti che dal prossimo settembre si troveranno una novità sul banco, anzi, sul campo. 
Con la fine dell'anno scolastico, infatti, l'istituto ha inaugurato l'orto didattico digitale. 
(IMMAGINE)

Leggi tutto
25
Giu
2018
Ritratto di Massimiliano Magli

Lo Zigno Day diventa un cortometraggio improntato ai mondiali

L'intervista immaginaria a Pertini e i treni russi che corrono come Zigno

Diventa un cortometraggio in onore di Luigino Baglioni il capolavoro di solidarietà avvenuto a Roccafranca il 20 maggio scorso. Giunto alla quarta edizione lo Zigno Day, un torneo di calcio tutto dedicato a Luigino diventa un «movie» sulla «non» diversità dedicata a Luigino, che quest'anno ha compiuto 52 anni proprio in occasione del torneo a lui dedicato. Un torneo che ha visto confrontarsi squadre ispirate al film con Lino Banfi «L'allenatore nel pallone», presentando in campo le formazioni della Serenissima e della Longobarda, con lo sponsor del Pastificio Mosciarelli tanto caro agli amanti di questa commedia all'italiana.
(VIDEO)
Commedia che ha ispirato sia l'iniziativa benefica a favore di «Zigno», così è soprannominato Luigino, sia la pellicola, realizzata da Massimiliano Magli con video, immagini e musica che sanno di sana ironia nei confronti della mancata qualificazione ai mondiali russi della nazionale italiana.

Guarda il videoLeggi tutto
16
Giu
2018
Ritratto di mavi

Gli storioni ripopolati nonostante il vergognoso inquinamento

Giovannini crede nell'amore per la natura… Ma la Regione non c'è più!

E' stato un disastro ambientale e animalista, ma il papà degli storioni ha stretto i denti e, dopo tre morie per centinaia di storioni e milioni di euro per inquinamento, ha deciso di intraprendere la filosofia di questo pesce, che vive sulla Terra da 20 milioni di anni contro i 2 dell'uomo. Così Giacinto Giovannini e i suoi figli John e Sergio nei giorni scorsi, nell'allevamento Vip tra Orzinuovi e Roccafranca, hanno ripetuto un «miracolo» che va avanti da ormai da oltre 15 anni: riprodurre in cattività una serie di specie di storione destinate altrimenti all'estinzione. Fin qui la riproduzione, ma la ricerca prosegue dagli anni Settanta.

Guarda il videoLeggi tutto

Pagine

Abbonamento a RSS - Il Giornale di Chiari