Laura Sirani scrive di sogni e libertà

Il 23 febbraio da Cavalli Strumenti Musicali
Ritratto di Massimiliano Magli

Il 23 febbraio alle 21 Laura Sirani, di Castrezzato, presenterà il suo nuovo libro all'auditorium Strumenti Musicali Cavalli. «Freevola – Libera vola» è il titolo di un'opera marcata da tanto autobiografismo che l'autrice ha avviato nell'agosto del 2016, «quando – spiega - ero alla soglia di cambiamenti importanti per il mio futuro. Scrivevo impressioni e pensieri col tentativo di affrontare una situazione di svolta della mia vita. Non è stato semplice, fluido, ma introverso e controverso poter mettere in parole un mondo che ho vissuto come donna, bimba, madre, persona».


Ma perché un titolo che gioca con la libertà ma anche con una negativa leggerezza? «Lo spunto del titolo del libro è venuto da una provocazione detta senza senso né conoscenza della mia persona qualche tempo fa – spiega Laura, oggi 33enne -, ma sono convinta che tutto venga per essere provato e le provocazioni sono uno strumento di possibilità per tirare fuori il meglio di sé e assumere un significato che ha un'altra declinazione, quello di testimonianza, come pure di altro punto di vista, diverso e allo stesso tempo profondo e positivo, sganciandosi dagli stereotipi che ci vogliono tutti chiusi nelle categorie di tipo, razza, colore e genere».
Laura durante un'esibizione

Dunque un volume di riscatto o forse meglio di risposta a un mondo intorno sempre più frenetico anche nei giudizi come nelle interpretazioni. Leggero il contenuto? Un inno alla felicità? Niente affatto, Laura tira fuori dal dolore i fiori della sua speranza, quella di dare alla libertà delle proprie passioni, musica compresa, visto che è cantautrice, la possibilità di realizzarsi.
«C'è una contraddizione che voglio fare emergere con questo libro – conclude -. Siamo essere liberi eppure rincorriamo l'appartenenza troppo spesso: a una classe sociale, a una fascia d'auto, a una razza, a una religione, quando invece ogni scelta dovrebbe essere condivisa, secondo uno dei motti più antichi che vuole libero ogni uomo finché la sua libertà non invade quella dell'altro».
Edito da Amos Cartabia, in vendita a 11.50 euro.

Vota l'articolo: 
Non ci sono voti