Nuovo percorso di cura per i pazienti cronici

Attivato dalla Regione a partire da questo 2018
Ritratto di Massimiliano Magli

Con l'innalzamento della speranza di vita sono aumentati i pazienti che soffrono di patologie croniche. Ad oggi in Lombardia le persone affette da malattie croniche sono 3,5 milioni, pari a circa il 30% della popolazione, una proporzione relativamente contenuta ma destinata ad aumentare nei prossimi anni.
Il paziente cronico è un soggetto che si trova nelle condizioni di convivere nel tempo con una o più patologie (ad esempio quelle cardio-cerebrovascolari, respiratorie, oncologiche, disturbi neurologici e diabete) che, se ben controllate, permettono di avere una buona qualità di vita.
Per questi pazienti, Regione Lombardia dai primi mesi del 2018, ha attivato un nuovo percorso di cura basato sul modello di “presa in carico”: per i cittadini affetti da patologie croniche sarà pertanto previsto un più semplice accesso alle cure e un’assistenza sanitaria e sociosanitaria continuativa,

Come funziona il nuovo percorso di cura?

Nel nuovo modello, il paziente sceglie un medico gestore al quale affida la cura della propria patologia, l’organizzazione e la gestione del relativo percorso terapeutico.
Una volta effettuata la scelta, il paziente dichiarando la volontà di aderire al nuovo percorso di accompagnamento stringe un Patto di Cura, di durata annuale, con il proprio gestore. Successivamente il medico in collaborazione con il paziente predispone un programma annuale che comprende tutti gli interventi sanitari e sociosanitari necessari per un miglior controllo della patologia, consentendo in questo modo cure più appropriate, controlli puntuali e periodici. Questo programma prende il nome di PAI (Piano Assistenziale Individuale) ed è lo strumento per la programmazione e la pianificazione personalizzata del percorso di cura. Racchiude tutte le prestazioni, sia visite che esami, e le prescrizioni farmacologiche che il paziente deve effettuare nell’arco di un anno per tenere sotto controllo la sua patologia. Le informazioni contenute nel PAI sono informatizzate e pubblicate sul Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) del cittadino; sono inoltre accessibili a tutti i professionisti sanitari chiamati a concorrere all’attuazione delle cure.
Toccherà al soggetto gestore la prenotazione di tutte le visite, gli esami e le altre attività in coerenza con i bisogni del paziente e con il suo programma, sollevando il cittadino da queste incombenze. Con la “presa in carico” la persona viene accompagnata nella gestione di tutti gli adempimenti burocratici collegati alla patologia e viene sollevata, lungo l’intero percorso di cura, da stress e preoccupazioni legati alla gestione della propria cronicità, guadagnando tempo e qualità di vita per sé e per i propri familiari.

Per maggiori informazioni si può visitare il sito www.regione.lombardia.it o chiamare il numero verde 800638638.

 

 

 

Vota l'articolo: 
Non ci sono voti