Castelcovati

26
Gen
2020
Ritratto di roberto parolari

La Parrocchiale è firmata!

È frutto dell’architetto Giovanni Donegani

Se fosse un palazzo ottocentesco in mano a privati avrebbe fatto un balzo enorme in termini di valore. Ma le chiese non si vendono, almeno non la parrocchiale di Castelcovati che, tuttavia, grazie al talento di uno storico locale ha ritrovato il suo «papà» e il suo effettivo valore: a progettare la chiesa è stato infatti il grande architetto bresciano Giovanni Donegani (1753-1813).
Lo scopritore di tale paternità è Paolo Olivini, ex sacrista, da sempre devoto alla cultura locale, figlio di Mario, scomparso nel 2013, e ideatore del Grandioso Presepio Storico di Castelcovati. 
Paolo alle statue del presepe di S. Alberto ha preferito la vita del topo di biblioteca e da anni anima l’associazione culturale Il Filo di Arianna, con iniziative di valorizzazione del patrimonio storico culturale locale.
(IMMAGINI)

Leggi tutto
08
Dic
2019
Ritratto di Massimiliano Magli

In oratorio arriva Santa Lucia

E il centro giovanile le fa la casa

Entusiasmo al massimo in oratorio a Castelcovati, dove in serata è arrivata Santa Lucia. Centinaia tra bambini e genitori hanno accolto la santa, dopo aver frequentato la sua casa, nell'interrato del centro giovanile, dove sono state ricavate diverse stanze con laboratori, spazi morbidi per i più piccoli, spazio merende, spazio focolare e persino l'ufficio postale con tanto di postino per inviare la letterina alla Santa. 

(IMMAGINI) 


Nel frattempo al piano superiore il centro giovanile ha allestito la pesca magica, mentre i genitori dei piccoli calciatori che hanno disputato le partite di Csi hanno organizzato la merenda per le due squadre in campo (Castelcovati e Rivoltella).

(VIDEO)

Guarda il videoLeggi tutto
24
Dic
2018
Ritratto di Massimiliano Magli

Se la casa diventa un presepe

Ancora più bella la Natività di via Gandhi

E' diventato l'apripista del Grandioso presepio storico di Castelcovati. Un singolare «antipasto» prima della visita alla Natività della chiesetta di S. Alberto. Parliamo del presepe realizzato da un privato cittadino, al 3 di via Gandhi, sempre a Castelcovati. Qui vi si arriva da via Cizzago, si svolta alla rotonda e ci si trova davanti un'abitazione che sa di Natale in modo commuovente.
Merito di Giancarlo D'Attilio, ragioniere commercialista, che ogni anno, da otto anni a questa parte, posata la penna della partita doppia, veste i panni del presepista, trasformando l'intero giardino in una Natività straordinaria.
Originario di Roma, il professionista 56enne ha sacrificato l'intero giardino, di circa 100 metri quadrati, per dare vita a uno spettacolo natalizio davvero singolare.

Leggi tutto
20
Nov
2018
Ritratto di mavi

Il cuore del paese resta un cantiere

L'assessore Nodari: «Reti colabrodo, serve tempo»

Via S. Antonio si affida a... S. Antonio. Il Comune di Castelcovati non si sbilancia sulla fine dei lavori per la centralissima via, oggetto di lavori a partire già da aprile, ma chiusa ancora oggi nonostante i lavori, di fatto, non si siano mai fermati. Ma la strada resta chiusa e il cantiere rischia di doppiare l'anno, lasciandola di fatto ancora senza transito. 
La colpa? Demis Nodari taglia corto: «Quando ti trovi a fare i conti con Telecom e altre aziende di portata nazionale ti confronti con ritardi enormi e inefficienza che mette in difficoltà le Amministrazioni e i suoi cittadini». 
La rabbia dei residenti è grande e i negozianti non lesinano in critiche che ovviamente vengono raccolte e rispettate dall'Amministrazione che tuttavia vuole chiarire le ragioni di tale ritardo. 

Leggi tutto
03
Ott
2018
Ritratto di Massimiliano Magli

Castelcovati ha accolto il nuovo parroco

Don Jordan raccoglie il testimone di don Alfredo

Grande festa a Castelcovati il 30 settembre per accogliere il nuovo parroco. Per quanto nell'aria da tempo, la notizia del trasferimento di don Alfredo Savoldi ha sorpreso un po' tutti. Il parroco uscente andrà infatti a raggiungere la diocesi come vicario episcopale per il clero nelle zone pastorali della Bassa bresciana. 
Al suo posto è arrivato don Jordan Coraglia, che il 30 settembre, in mattinata, è stato accolto dai cittadini al confine del paese per essere accompagnato alla parrocchiale. 
La diocesi ha infatti disposto il trasferimento del parroco uscente all' «intelligence» della curia, con l'intento di fargli coordinare le parrocchie della Bassa, che certo non vivono un periodo felice vista la crisi vocazionale. 

Leggi tutto
12
Giu
2018
Ritratto di Massimiliano Magli

Pizzamiglio nuovo sindaco

Ha prevalso su Anna Lisa Secchi

Alessandra Pizzamiglio è il nuovo sindaco di Castelcovati. La candidata in quota Lega ha spadroneggiato la tornata elettorale battendo l'avversaria Anna Lisa Secchi. Mentre si attende il responso esatto delle urne, lo spoglio ha comunque evidenziato la supremazia della candidata di «Lavoro e buon senso», lista di matrice leghista, benedetta dal sindaco uscente Camilla Gritti, pure in lista.

Leggi tutto
13
Feb
2018
Ritratto di Massimiliano Magli

La biblioteca si rinnova con uno spazio per gli universitari

170 mila euro di investimento e 20 mila dalla Regione

Biblioteca rimessa a nuovo a Castelcovati dopo circa tre mesi di lavori e le fatiche di un trasloco ponderoso.
Il Comune ha infatti concluso i lavori per il rilancio e il potenziamento dello stabile di via Marconi, con interventi che hanno visto la riorganizzazione degli spazi della biblioteca, adiacente al centro civico, così da renderla più fruibile.
Inoltre è stata messa mano a tutti gli impianti, elettrici e di riscaldamento, con l'attivazione di un moderno sistema di climatizzazione a pavimento. Si è provveduto inoltre alla sostituzione di buona parte degli arredi. A questo si aggiunge un intervento tutto dedicato agli studenti universitari che ora possono contare su una propria aula studio.

Leggi tutto
20
Gen
2018
Ritratto di Massimiliano Magli

La grande festa finale per Sant'Antonio si è conclusa

L'ultima giornata, con i canunsèi e l'oca in padella, ha fatto il pienone

Si è svolto l'ultimo appuntamento, il 21 gennaio, con la Sagra de Sant'Antone e con il primo piatto comunal popolare dei «canunsèi». La manifestazione, durata due settimane, ha chiuso i battenti con un record di presenze stimato in circa 15 mila presenze. 
Non ci sono certo i bilancini a misurare il rapporto tra il primo piatto e le presenze, ma il consumo stimato del goloso primo piatto è di oltre 12 quintali. Tanto più che oltre alle presenze al tavolo ci sono state come ogni anno numerose prenotazioni da asporto. Alle 8.30, 9.30, 11 e 18 le messe dedicate al patrono S. Antonio. Dalle 9.30 alle 12 si è svolto il corso di avviamento dei bambini ai cani a cura dell'Associazione Zampe Incomprese. Ogni bambino riceverà un manuale in omaggio.

Guarda il videoLeggi tutto
24
Dic
2017
Ritratto di Massimiliano Magli

Se il presepe è un giardino

A Castelcovati l'ingegnosa idea di un commercialista

Dove poteva nascere un record presepistico privato se non nella patria delle grandi Natività? A Castelcovati, dove la chiesetta di Sant'Alberto accoglie ogni anno il Grandioso Presepio Storico meccanizzato, l'amore per questi allestimenti è sbocciato anche in un privato.
Una passione talmente grande da averlo spinto a trasformare l'intero giardino nella Natività. E' accaduto al 3 via Gandhi a Castelcovati. Si arriva da via Cizzago, si svolta alla rotonda e ci si trova davanti un'abitazione che sa di Natale in modo commuovente.
Merito di Giancarlo D'Attilio, ragioniere commercialista, che ogni anno, da sette anni a questa parte, posata la penna della partita doppia, veste i panni del presepista, trasformando l'intero giardino in una Natività straordinaria.
Originario di Roma, il professionista 56enne ha sacrificato l'intero giardino, di circa 100 metri quadrati, per dare vita a uno spettacolo natalizio davvero singolare.

Leggi tutto
05
Dic
2017
Ritratto di mavi

Festa di S. Antonio 2018, ecco il programma con i canunsèi

Dal 1° gennaio al 17 gastronomia, animazioni e solennità

L'economia parallela all'edilizia che in tempi di crisi dà lavoro e attira visitatori. A Castelcovati, comunità con circa 1500 disoccupati, la Sagra dei canunsèi de Sant'Antone è diventata parte integrante del Pil locale, coinvolgendo centinaia di operatori e attirando migliaia di visitatori.
A fine dicembre i ristoratori locali scalderanno i motori, proponendo il succulento primo piatto, che alcuni anni fa ha ottenuto la denominazione comunale dal Consiglio comunale.
Quindi, a gennaio, via alla festa, in oratorio, che sarà inaugurata il 10 e proseguirà fino al 21 gennaio, portando sulla tavola 12 quintali, e anche più, del prelibato primo piatto, tra pranzi e cene.
Un piatto che è traino, dicevamo, per l'economia locale, anzitutto perché dà lavoro a una decina di donne, ma soprattutto attira in pochi giorni quasi diecimila visitatori. A questa ricetta è arrivata nei giorni scorsi anche il riconoscimento della scuola di alta gastronomia Cast Alimenti.

Leggi tutto

Pagine

Abbonamento a RSS - Castelcovati