Apre vinitaly

Il nostro ricordo di Pino Ratto, uno dei professionisti dell'enologia
Ritratto di Massimiliano Magli

Dal 14 al 18 aprile si svolgerà il grande salone del vino di Vinitaly. Mi piace presentare questo evento con un ricordo, quello di Pino Ratto, scomparso nel 2014, grande vinificatore di Dolcetto che per me è stato un faro per le "enozioni" che mi ha saputo trasmettere, oltre che un amico. Pino a Vinitaly intervenne con uno stand rustico, con balle di fieno tutt'attorno e i suoi prodigiosi vini in degustazione insieme all'amico e collega Giacomo Bologna (Cantine Braida).
A lui va il mio pensiero per essere stato un grande uomo del vino, serio perché innamorato della beva di ogni sua bottiglia: serio perché preparato, serio perché d'altri tempi, che poi vuol dire non appartenere a nessun tempo.
Nei mesi scorsi gli è stata dedicata da Paolo Rusconi e Barbara Pulliero una degustazione sul suo dolcetto di Pino Ratto e i suoi eredi. All’interno di una sala allestita per l’occasione, venticinque persone fra produttori, appassionati e il sottoscritto hanno degustato e discusso sui vini di Pino e i vari Dolcetti di Ovada presenti. La “non degustazione” deriva dal fatto che non si è voluto disquisire sul vino in maniera tecnica, ma ci si è confrontati su quello che è un grande vino come “Gli Scarsi” o le “olive”- i due cru di Pino Ratto- e qual' è il futuro, l’eredità del Dolcetto di Ovada. Probabilmente sarebbe servito più tempo ma tanto è bastato per confrontarci, una tavola rotonda dove, finalmente, si è parlato di vino anche in maniera sentimentale. Ognuno avrà tratto le proprie conclusioni, le mie sono sicuramente positive. Tutti i produttori presenti: Rocco di Carpeneto, Cascina Boccaccio, Cascina Boccia, Cascina Gentile, Castello di Grillano, Forti del Vento, Rocca Rondinaria- hanno dimostrato oltre a lavorare con passione, anche la voglia di riportare il Dolcetto di Ovada a far parlar di se, come solo Pino Ratto ha saputo fare. Grazie Pino per i tuoi vini e la tua eredità! E benvenuto al nuovo Vinitaly!




 

Vota l'articolo: 
Non ci sono voti