Batoste sarde per Iseo

Sotto di sei punti contro la formazione isolana
Ritratto di mavi

Basket Iseo: Azzola 13, Leone 13, Acquaviva, Dell’Aira ne, Saresera 1, Prestini 33, Veronesi, Scuratti 7, Crescini 11, Giorgi 4. Allenatore Mazzoli.
Accademia Basket Sestu: Scodavolpe 24, Graviano 11, Elia 2, Pilo 2, Trionfo 10, Villani 2, Laguzzi ne, Melis 8, Samoggia 17, Varrone 2. Allenatore Sassaro.
Arbitri: E. Gonella di Genova e A. Morassutti di Sassari.
Note: parziali 25-19; 39-37; 58-67 e 82-88. Tiri da due Basket Iseo 18/35, Basket Sestu 23/38. Tiri da tre Basket Iseo 9/30, Basket Sestu 6/16. Tiri liberi Basket Iseo 19/25, Basket Sestu 24/27. Rimbalzi Basket Iseo 35, Basket Sestu 31. Assist Basket Iseo 18, Basket Sestu 16. Palle perse Basket Iseo 17, Basket Sestu 19. Palle recuperate Basket Iseo 9, Basket Sestu 5. Stoppate fatte Basket Iseo 2, Basket Sestu 3. Falli commessi Basket Iseo 29, Basket Sestu 22. Usciti per falli Scuratti, Basket Iseo, al 28’51” (58-63) e Samoggia, Basket Sestu, al 39’48” (80-86). Fallo tecnico a coach Mazzoli, Basket Iseo, al 17’29” (34-35).
Brutto colpo per le speranze salvezza dell’Argomm Iseo di coach Mazzoli che, perdendo lo scontro diretto con l’Accademia Sestu, rimane mestamente in fondo alla classifica e vede avvicinarsi l’ombra scomoda della retrocessione diretta. Un passo falso che potrebbe avere ripercussioni notevoli sugli iseani, che ora sono veramente con le spalle al muro e dovranno reagire con grande determinazione per uscire da una situazione quasi disperata. Dopo la ventiduesima giornata del girone B del campionato di Serie B l’Argomm Iseo si trova in ultima posizione con 10 punti, frutto di 5 vittorie e 17 sconfitte, e in questo momento sarebbe l’unica squadra a retrocedere direttamente. Per evitarlo i ragazzi di coach Mazzoli dovranno lasciarsi alle spalle almeno una delle due avversarie più vicine, Tramarossa Vicenza e San Vendemmiano che hanno 12 punti, mentre Alto Sebino e Sestu sono più difficilmente raggiungibili a quota 14. Il calendario propone un’alternanza tra sfide quasi impossibili, come quella con la capolista Orzinuovi, ad avversari più abbordabili: le ultime due giornate vedranno Iseo sfidare San Vendemmiano e Alto Sebino, l’obiettivo è arrivare a quelle gare ancora in corsa per giocarsi tutto.
Alla sfida decisiva con Sestu l’Argomm arriva il problema dei guai fisici di Azzola, Leone e Acquaviva. La loro assenza non è presa neppure in considerazione ed alla palla a due coach Mazzola presenta Leone, Acquaviva, Azzola, Prestini e Scuratti, per i sardi scende sul parquet il quintetto formato da Graviano, Scodavolpe, Trionfo, Samoggia e Varrone. L’inizio di gara è favorevole agli ospiti che si portano sul +5 con Samoggia e Scodavolpe, ma Prestini prende per mano Iseo e firma il pareggio sul 9-9, anche se il primo vantaggio per i padroni di casa arriva con la tripla di Crescini, 12-11 al 04’55”. La risposta dei sardi porta la firma di Samoggia da tre, ma poi è Iseo a prendere il largo con Prestini e le triple di Azzola e Crescini che siglano un parziale di 13-0 che vale il 25-14 a due minuti dal primo riposo. Il finale però è per i sardi che vanno al riposo sotto di 6, 25-19 Iseo dopo 10’.
Il secondo quarto vede ancora una volta la partenza sprint dei sardi, ma Iseo contiene con Prestini, Azzola e Scuratti e rimane avanti di 4 a metà tempo, 33-29. I sardi sono più aggressivi ora e grazie alla vena di  Samoggia infilano un parziale di 5 punti consecutivi, che valgono il primo vantaggio dal 12-14 del primo quarto. Iseo risponde con Prestini, ma arriva un fallo tecnico alla panchina di coach Mazzoli che costa il nuovo vantaggio ospite. Il finale vede la reazione forte di Iseo: è ancora una volta la mano di Prestini a regalare il vantaggio ai padroni di casa con due canestri consecutivi. Si va al riposo lungo sul 39-37 per Iseo.
Il terzo quarto si apre con il canestro di Giorgi, ma sono i sardi ad essere più aggressivi e a tornare in vantaggio con i canestri di Samoggia, Varrone e Trionfo. Iseo non molla, ma vede scappare gli avversari che si portano sul +5 a metà periodo, 47-52 Sestu. I ragazzi di Mazzoli sono sulle gambe e non riescono a contenere l’attacco ospite, che allunga ancora chiudendo il terzo quarto sul 58-67.
Con le spalle al muro, i ragazzi di Mazzoli vanno sotto di 11, canestro di Melis in apertura di quarto quarto, ma reagiscono con Azzola che firma 5 punti consecutivi. Iseo mette in campo il cuore e con Prestini e Crescini si avvicina a meno 3, a metà quarto i sardi sono avanti 70-73. Veronesi in contropiede avrebbe al possibilità di accorciare ancora, ma gli arbitri gli fischiano un fallo di sfondamento che di fatto segna il finale di gara. I sardi aumentano il vantaggio, l’ultimo sussulto iseano arriva ad un minuto e mezzo dalla sirena con la tripla di Leone che vale il meno 4. L’ultima speranza iseana è riservata al fallo sistematico sugli avversari, ma i sardi non tremano e chiudono sul 82-88.

Vota l'articolo: 
Non ci sono voti