Acque pulite, siamo a una svolta

Acque Bresciane e Provincia: al via nuovi depuratori
Ritratto di roberto parolari

Dopo lo stop forzato per rispettare le disposizioni nazionali e regionali arrivate, per il contenimento dell’emergenza sanitaria provocata dal Covid-19, stanno pian piano ripartendo tutti i cantieri previsti dal piano di investimento annuale che la società Acque Bresciane ha stabilito con la Provincia di Brescia.
A fine febbraio erano oltre 70 erano i cantieri aperti in Provincia, di grandi dimensioni e rilevanza (impianti, grandi collettori) e di dimensioni più circoscritte (nuove reti, manutenzioni straordinarie impianti), che sono stati gradualmente sospesi per il contenimento dell’emergenza sanitaria. 
«Uno stop che non ha certo fermato il flusso dei pagamenti e la resilienza della Società – ha confermato Samuele Alghisi, Presidente della Provincia e a capo del comitato di indirizzo -, a cui la Provincia ha chiesto di mantenere massima attenzione sulle opere in corso e dunque ottemperare agli indirizzi concordati». Dal 20 aprile, con l’allentamento delle restrizioni lavorative, Acque Bresciane ha infatti riavviato i primi cantieri in massima sicurezza. 
«È così – ha confermato il Direttore Tecnico di Acque Bresciane Mauro Olivieri -. A metà maggio il numero dei cantieri attivi ha raggiunto circa il 70% rispetto alla situazione pre Covid ed una previsione di investimento da qui a fine anno per un ammontare complessivo di circa 22 milioni di euro». 
Investimenti importanti, che sarà possibile “monitorare” mese dopo mese sul sito www.acquebresciane.it (in una sezione apposita) e che è tuttora riscontrabile nella significativa crescita delle procedure di gare in corso tra marzo ed aprile, con oltre 20 milioni di investimenti in fase di aggiudicazione.  
Tra i lavori in fase di aggiudicazione ci sono quelli che riguardano la realizzazione del nuovo depuratore di Barbariga e Pompiano (4 milioni), i lavori per il collettamento fognario di Sellero-Cedegolo-Berzo Demo (4,2 milioni), i lavori per il nuovo depuratore di Mairano (5,5 milioni), l’ampliamento del depuratore di Pozzolengo (3,5 milioni), i lavori di collegamento acquedotto Sulzano-Monte Isola (1,6 milioni). 
Si tratta di cantieri che partiranno entro la prossima estate, con Acque Bresciane che ha previsto, nel secondo semestre, altre significative procedure di gara che interesseranno lavori per altri 15 milioni di euro.  


 

Vota l'articolo: 
Non ci sono voti