#Ripartire dalla cultura con il festival Rinascimento Culturale

Galimberti, Pievani e Aime: appuntamenti da tutto esaurito
Ritratto di Benedetta Mora

10 appuntamenti di cui 7 in presenza nei Comuni della Franciacorta e 3 in remoto, per un inedito viaggio culturale dedicato alla ricerca di una bussola per orientarsi in questi tempi confusi e incerti. Torna il Festival «Rinascimento Culturale» che con quest'anno arriva alla sua settima edizione. Un'edizione, giunta dopo le 18 serate sold out e le oltre 6000 presenze fatte registrare nel corso del 2019, segnata dall’emergenza sanitaria mondiale. Ecco il perchè della scelta di appuntamenti in remoto e del potenziamento del Canale YouTube del Festival che ha già raggiunto i 15mila iscritti. Ripartire, o meglio rinascere con la forza della cultura, per Rinascimento Culturale è stato possibile grazie alla forza dell’associazione, sotto la direzione artistica di Alberto Albertini e quella organizzativa di Fabio Piovanelli e grazie a tutto il team di collaboratori e volontari. Si comincia a Villa Caprioli di Sale di Gussago, il 16 settembre, alle ore 21:00 con Umberto Galimberti, padre tutelare del festival, e la sua conferenza dal titolo: «Indagine sull'anima: tra ragione e follia, tra spirito e materia». Il programma prosegue poi con Igiaba Scego, scrittrice e giornalista di origine somala, che il 22 settembre, sul canale YouTube dell’associazione, offrirà un’opportunità di dialogo, scoperta e confronto multiculturale con il dibattito «Storie migranti». Gabriele Ghisellini, venerdì 25 settembre, presso il Teatro Micheletti di Travagliato alle ore 21:00, proverà a condensare miliardi di anni dal Big Bang con la conferenza dal titolo: «Astrofisica per curiosi: Breve storia dell’universo». Ghisellini è dirigente di ricerca all’INAF, Osservatorio astronomico di Brera-Merate, docente di Astrofisica generale all’Università Bicocca di Milano. La storia è rappresentata anche in questa edizione da Riccardo Rao, professore di “Storia medievale, Storia del Paesaggio e Storia dell’Ambiente e degli Animali” all’Università di Bergamo e che il 30 settembre sul canale YouTube, racconterà: «L'Italia dei Comuni: nella ricorrenza degli 800 anni dalla fondazione del Comune di Castrezzato». Si tornerà invece sulle sedie del teatro il 2 ottobre, a Cologne, al Cinema Teatro dell’Oratorio, alle ore 21:00, ad ascoltare Marco Aime, antropologo di fama internazionale, con riflessioni tra antropologia e sociologia, nella conferenza dal titolo: «Perché la comunità non è più il nostro orizzonte sociale e psicologico». Il 5 ottobre, alla Cascina Carretto di Erbusco, Alessandro Barbero, storico di fama internazionale, ospite fisso di Super Quark, alle ore 21:00 parlerà de «Il sogno nella letteratura medievale». Il 13 ottobre, sul canale YouTube, Luigi Zoja affronterà un tema di grandissima attualità: «Età dell’incertezza. Tra contagio virale e contagio paranoico». La settima edizione del festival vedrà anche il ritorno del filosofo e docente di “Storia della filosofia antica” all’università di Milano e a quella olandese di Utrecht Mauro Bonazzi, collaboratore del Corriere della sera, saggista ed esperto del pensiero antico greco, con la conferenza dal titolo «Alla ricerca della verità: i sofisti tra fatti e parole», alla Casa della Musica di Palazzolo il giorno 22 ottobre, alle ore 21:00. Il viaggio si conclude infine con la scienza e un altro “amico” del festival: Telmo Pievani cercherà di scoprire e smascherare il controverso tema della pandemia nell’incontro dal titolo: «I virus non vengono dal nulla. Ecologia ed evoluzione delle pandemie», che si svolgerà ad Adro, presso l’Istituto Madonna della Neve, il 23 ottobre, alle ore 21:00.

Altri appuntamenti sono in programmazione, a cura di Alberto Albertini, dedicati agli iscritti del canale YouTube, in particolare un mini documentario su John Cheever, lo scrittore americano premio Pulitzer, maestro delle short story, autore del famoso racconto “Il nuotatore” da cui il film con Burt Lancaster; e su Dino Buzzati, scrittore, giornalista, pittore, drammaturgo, librettista, scenografo, costumista e poeta, fin da studente cronista al Corriere della Sera.

Le conferenze in presenza sono prenotabili tramite la piattaforma Eventbrite fino ad esaurimento posti.

N.B.: Agli eventi in presenza è obbligatorio presentarsi muniti di autocertificazione compilata in tutti i campi, pena l’esclusione dall’ingresso. Si comunica che gli organizzatori non potranno fornire il modulo prima dell’inizio della serata per evitare assembramenti.

 

Vota l'articolo: 
Average: 5 (2 votes)