I primi freddi bussano alla porta? E' ora di pensare all'acquisto della legna da ardere e del pellet.

Il consiglio di un esperto: Idea di Stroppa per un servizio a 360 gradi
Ritratto di Benedetta Mora

Con la stagione invernale ormai alle porte è il momento di pensare alla scorta di pellet e di legna da ardere. Quali sono i criteri da tenere in considerazione quando si fa una spesa di questo tipo? Lo chiediamo a Fabio Stroppa, titolare di Idea di Stroppa, il negozio che si trova ad Urago D'Oglio e che, con i suoi 20anni di esperienza nel settore del legname e del pellet, è diventato punto di riferimento per privati e attività commerciali.

Fabio, voi avete sempre puntato sulla qualità dei vostri prodotti. Vuoi spiegare quanto è importante portarsi a casa legna e pellet di qualità?

«Se legna e pellet sono buoni rendono di più e si consuma meno. Molto spesso però pur di risparmiare si acquista legna che non ha avuto la giusta essiccazione oppure pellet scadente. Il risultato? Eccessivo scarto di materiale incombusto, vetro di caminetti e stufe annerito dal fumo e odore sgradevole che si sprigiona in casa. Per Idea di Stroppa qualità significa innanzitutto tracciabilità: noi possiamo certificare la provenienza del nostro legname e del nostro pellet. Qualità significa anche giusti controlli, sopratutto quando la legna è per uso alimentare: ai panifici e alle pizzerie, nostri clienti, sul venduto garantiamo test per la radioattività e verifiche a campione con tanto di certificazione che attesti la qualità del nostro prodotto».

Sul mercato si possono trovare diversi tipi di essenze di legna ed anche diversi tipi di pellet, con un diverso costo e un diverso potere calorifico. Cosa consigli al cliente che ha il caminetto o quello che ha per la stufa a pellet? «In negozio possiamo consigliare il prodotto migliore, in grado di soddisfare chiunque. Nel nostro punto vendita abbiamo legna di carpine, cerro, rovere, frassino, faggio, robinia e quercia ognuna con le sue qualità e caratteristiche. Ne abbiamo di diverse pezzature e di diverse stagionature: si va dai 3 ai 24 mesi. Lo stesso vale per il pellet, per il quale vogliamo offrire i prodotti migliori in commercio. In negozio ne abbiamo oltre 20 tipi, sia in purezza, come castagno, abete e faggio al 100%, oppure sotto forma di miscela. Tutti sono certificati: abbiamo scelto come nostri fornitori le aziende, austriache, tedesche e italiane, migliori del settore.»

C'è chi si porta avanti acquistando in primavera e aspettando che la legna si asciughi, c'è chi, invece, arriva alla vigilia dei primi freddi o peggio, ad inverno inoltrato, con l'amara sorpresa di non trovare più legna o pellet a disposizione. Voi invece potete fornirne per tutto l'anno. «Per ragioni di opportunità consiglio l'acquisto sempre nei mesi estivi. In questo modo si ha il tempo di sistemare la legna a casa o i sacchi di pellet e di non farsi trovare impreparati quando arriva l'inverno. Il nostro sistema di stagionatura-stoccaggio ci permette di avere sempre legna in magazzino e, vista la richiesta in aumento, una buona scorta di pellet. Dalla prenotazione all'evasione dell'ordine, anche nei periodi più impegnativi, non facciamo mai passare più di tre giorni. Inoltre non c'è luogo che noi non possiamo raggiungere: dalla cantina seminterrata all'appartamento in centro storico, abbiamo a disposizione dai semplici camioncini con sponde idrauliche a veicoli attrezzati di gru. Tutto per offrire un servizio puntuale e preciso, che continua anche nel post vendita».

Vota l'articolo: 
Average: 4 (1 vote)