Monte Isola: maxi-esercitazione del Cisom

Hanno partecipato oltre duecento volontari provenienti da tutta Italia
Ritratto di mavi

Monte isola ha ospitato nei giorni scorsi la tre giorni del NET (North Emergency Test), una grande esercitazione sanitaria e di Protezione Civile che ha coinvolto oltre 150 volontari del CISOM, il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, e che ha visto la partecipazione di quelli del Gruppo intercomunale del Sebino bresciano, di Camunia Soccorso, del Gruppo Sub e alpini di Monte Isola, dell’idroambulanza e di Areu.
L’esercitazione NET, giunta alla sua quinta edizione ed attenzionata da Regione Lombardia e Provincia di Brescia, ha come obiettivo testare la prontezza dei soccorritori in momenti emergenziali diversi: sei quelli previsti in questi tre giorni a Monte Isola, dal soccorso sanitario all’intervento per dissesto idrogeologico, dall’intervento antincendio boschivo al soccorso fluviale, fino alla ricerca dispersi. Un’esercitazione che ha, allo stesso tempo, anche lo scopo di accrescere l’esperienza dei volontari chiamati a intervenire in situazioni complesse e delicate.
Ecco allora che tra Peschiera e Sensole è stato simulato il recupero di una persona finita nel lago, mentre sulla strada l’intervento di soccorso dopo un incidente e al retificio di Siviano per un incidente sul lavoro. La Rocca Martinengo ha fatto da scenario per la ricerca di alcune persone scomparse e in località Spino, dovere erano presenti delle vasche di riempimento, è stato simulato un dissesto idrogeologico. Non è mancata anche la simulazione di alluvione o frana con l’ausilio di alcuni figuranti.
Per l’esercitazione sono arrivati a Monte Isola volontari CISOM appartenenti a vari Gruppi di Lombardia, Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Puglia e Sicilia, 30 mezzi e 5 unità cinofile, che sono stati affiancati dalle associazioni di volontariato del territorio.
La scelta di ospitare questa importante esercitazione a Monte Isola l’ha spiegata il sindaco Fiorello Turla sulla pagina facebook del Comune: «Quest’iniziativa condivisa dall’Amministrazione Comunale, permette di testare il grado di preparazione per possibili scenari che potrebbero verificarsi. 
Si è creata una struttura organizzativa e tecnica che include tutti i gruppi legati al mondo del soccorso, coordinati dal gruppo intercomunale di Protezione Civile con anche l’utilizzo combinato di mezzi e strumenti indispensabili per operazioni sul campo. Perché proprio Monte Isola? Perché il nostro territorio si presta per morfologia ed è in grado di testare tutti i possibili scenari di intervento di soccorso e protezione civile compreso le calamità naturali che scongiuriamo possano mai capitare».

Vota l'articolo: 
Non ci sono voti